Consiglio Direttivo

 

Presidente
Maurizio Benincasa Avvocato specializzato in diritto dei minori e delle persone con disabilità, è impegnato da diversi anni in battaglie sociali e civili, in favore delle persone minori di età con disabilità e maggiorenni. E’ presidente e fondatore dell’associazione siciliana “20 novembre 1989” (denominata così in onore della data di approvazione della “Convenzione sui diritti dell’infanzia”), che si occupa in ambito regionale della tutela dei diritti delle persone con disabilità ed è composta da cinque coordinamenti territoriali. Il motto dell’associazione è: “I diritti non sono privilegi”. “Per assicurare la tutela dei diritti delle persone con disabilità senza alcuna discriminazione – dice Maurizio Benincasa – è fondamentale garantire l’effettività di questi diritti a tutti i livelli, a tutte le età e per tutto il corso della vita”. 

Vicepresidente referente per l’area Sud Italia
Leonardo Alagna Nasce nel 1969 a Palermo, città nella quale vive dal 1976 dopo 7 anni passati a Stoccarda insieme ai genitori, operai emigrati per necessità. Appena tornato abita in un palazzo dove conosce Alessandro, figlio di Boris. Diventano amici, ma dopo la morte del padre, poliziotto ucciso dalla “mafia”, non lo rivede mai più. Il primo impegno sociale risale al 1989 quando inizia a collaborare nella redazione di “ANTIMAFIA”, periodico del Centro Studi Lenin Mancuso, che aveva ereditato la guida de “I Siciliani” di Giuseppe Fava. La stagione delle stragi nel 1992 cambia per sempre la sua vita. Decide di riprendere gli studi presso la Facoltà di Scienze Politiche di Palermo, consapevole di poter contribuire al cambiamento solo attraverso l’impegno e la conoscenza. “Oggi sono un sociologo, dottore di ricerca in sociologia dell’ambiente”, riferisce Leonardo Alagna. “Le mie attività di studio si sono sviluppate sulla conoscenza del fenomeno mafioso, sulla conoscenza della condizione giovanile, sui processi di riqualificazione urbana e sui fenomeni migratori”.
Dal 1998 è presidente dell’Associazione Moto Perpetuo Onlus, prevalentemente impegnata nella tutela e promozione del patrimonio artistico e culturale e dei diritti umani. Nel 1999 è tra i soci fondatori della prima associazione antiracket di Palermo. Dal 2000, con le prime supplenze in qualità di insegnante, lotta sul fronte dei diritti dei lavoratori della scuola. L’impegno sindacale si trasforma in impegno a tutela dei diritti degli alunni con disabilità quando, nel 2007, decide di specializzarsi sul sostegno. “Questa battaglia”, racconta Leonardo, “mi ha portato ad approfondire lo scandalo dei posti in deroga sul sostegno e a denunciare e divulgare incessantemente iniziative volte a porre fine alla negazione dei diritti degli alunni con disabilità”. Nel 2015, in seno alla Associazione Moto perpetuo, avvia il progetto denominato www.osservatoriodirittiscuola.it (ODS), per realizzare un piano di rientro dei docenti maldestramente assunti con la “buona scuola” in altre regioni d’Italia ed eliminare definitivamente il precariato.
ODS nel gennaio del 2017 organizza a Palermo un primo Tavolo Tecnico sulla Scuola in contrasto allo schema di decreto 378 sull’inclusione. Partecipano 65 associazioni da tutta Italia, che nel giugno 2017 si costituiscono e fondano a Roma la FIRST.

Vicepresidente referente per l’area Centro Italia
Pamela Pompei Compie studi classici e indirizza il proprio percorso culturale e artistico verso l’arte della fotografia, diventando una fotografa professionista. Viaggia per diversi anni, trovando nel viaggio il maggiore punto di riferimento e la maggiore fonte di  ispirazione. Espone in mostre fotografiche. Da quando diventa madre, interrompe ogni rapporto con il mondo professionale e artistico che aveva costruito, per dedicarsi totalmente alla grave disabilità del figlio. E’ co-fondatrice  e  componente del direttivo dell’associazione di volontariato del X municipio di Roma, il “Comitato Disabilità Municipio X”. “Sono tornata a “rimirar la luce” – racconta Pamela Pompei – dopo qualche anno, insieme con altri genitori di ragazzi con disabilità.  Io rinnovo costantemente la mia volontà di continuare a lottare, per i diritti di tutti coloro che non hanno la possibilità, la capacità o la forza, per farlo autonomamente. Ho scelto di vivere come tutti quei genitori che si sono ritrovati a vivere una vita senza averla scelta, ma che, per scelta, combattono per viverla”.

Tesoriere
Maura Cappellini Consulente del Lavoro iscritta all’ordine di Roma e Provincia, titolare dal 1993 dello studio professionale omonimo sito in Roma, mamma di una ragazza sorda e membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione di genitori e professionisti “Il Sentiero Dorato Onlus” di Fregene – Roma, che dal 2012, attraverso la diffusione di informazioni e competenze specializzate, offre supporto e sostegno ai bambini e ai ragazzi sordi con difficoltà di comunicazione e linguaggio, per la loro piena autonomia e inclusione sociale.

Segretario
Claudia Cecchini E’ mamma di tre splendidi ragazzi, di cui il secondo con disabilità. I suoi figli le hanno insegnato a non dare nulla per scontato e a vivere intensamente il “qui e ora”, sempre. Ha fondato e porta avanti insieme ad altri genitori due associazioni che si occupano di tutelare i diritti delle persone con disabilità. Perché lo fa? “Perché tutti possano avere una vita dignitosa, autonoma ed indipendente – dice Claudia Cecchini. E aggiunge: “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo (cit. Ghandi), questo è ciò che sono”.

 

Membro del Consiglio Direttivo 
Stella Di Domenico Storica dell’arte, è mamma di Uma, una bambina con disabilità grave. Definisce la figlia “un mistero dell’Universo”. Ha fondato ed è presidente della “Onlus Uniphelan”, un’associazione nazionale che si occupa della “sindrome di Phelan McDermid”, una malattia genetica rara. Sono, infatti, soltanto circa 800 le persone con questa diagnosi in tutto il mondo e per la maggior parte sono bambini. Grazie alla sua determinazione instancabile è riuscita a costituire un punto fermo per le famiglie con figli con malattie rare, argomento in cui è una dei maggiori esperti in Italia.

Membro del Consiglio Direttivo
Angiola Rotella  Napoletana, vive in Sicilia dal 2011. Presidente di “Insieme per l’Autismo Onlus”, si definisce, prima di ogni altra cosa, “la mamma di Paolo”. Svolge la professione di Assistente di Volo, dedica gran parte del suo tempo libero al buon combattimento, volto alla tutela dei diritti delle persone con disabilità e delle loro famiglie. Segni particolari: Ariete ascendente Vergine!

Membro del Consiglio Direttivo

Giovanni Johnny Cupidi Nato a Palermo, ha conseguito la Laurea in Scienze Statistiche ed Economiche e il Dottorato di ricerca in Statistica Applicata all’università degli studi di Palermo. Blogger e Attivista per la disabilità, Vicepresidente di Insieme per l’Autismo ONLUS, collabora con le associazioni per la difesa dei diritti delle persone con disabilità ed è portavoce del comitato #SiamoHandicappatiNoCretini. Partecipa come Speaker al D4social (Digital for Social) organizzato dal Social Media Marketing, è stato tra i protagonisti del docufilm “Gli Immortali” di Lorenzo Jovanotti.

Membro del Consiglio Direttivo 

Corrado Cavarra Pedagogista, vive a Rosolini in provincia di Siracusa. Impegnato dagli inizi della professione nel volontariato Sociale ha collaborato con Associazioni del territorio Siracusano, dedicandosi soprattutto alla disabilità, percependola non come un limite ma come una risorsa. Tendere una mano alle famiglie di ragazzi disabili è sempre stato il modo miglior per essere presente in quel mondo speciale con la propria umanità e professionalità, in quanto ama considerare l’handicap una risorsa un po particolare e non un limite, consapevole che questi ragazzi riescono a dare più di quanto ricevono. Successivamente ha svolto la sua professione presso L’Associazione Casa Famiglia Rosetta di Caltanissetta, guidata da Padre Sorce, sostenendo i ragazzi coinvolti nel mondo delle dipendenze da alcol e droghe nei vari centri per le Tossicodipendenze, occupandosi di prevenzione e di recupero. Dal 2001 al 2005 ha lavorato presso l’Università degli Studi di Catania in qualità di Segretario presso il Dipartimento di Medicina – Clinica Dermatologica dalla quale dopo la grave malattia di entrambi i genitori ottiene il trasferimento presso il Comune di Rosolini. Membro del Consiglio Direttivo Nazionale dell’A.N.PE (Associazione Nazionale dei Pedagogisti Italiani) dal 2007 al 2013 dove ha ricoperto la carica di Segretario Nazionale per due mandati. Nel 2016 è stato Presidente Regionale A.N.PE – Sicilia e nel 2018 Segretario Regionale. Oggi svolge la funzione di Giudice Onorario Minorile presso la Corte d’Appello del Tribunale di Catania e lavora presso l’Ufficio Pubblica Istruzione del Comune di Rosolini

Membro del Consiglio Direttivo 

Anna Bagnara, nata nel 1978 ad Augusta (SR) ,si è trasferita a Catania nel 1998, dove si è laureata presso l’Università degli Studi di Catania in Scienze dell’Educazione “Educatore Professionale”. Successivamente si è laureata presso l’Università degli Studi di Messina in Scienze Pedagogiche(LM85), specializzandosi ulteriormente nell’area socio-pedagogica.Docente di sostegno dal2004, lavora presso le istituzioni scolastiche della città di Catania, occupandosi di ragazzi con disabilità e delle loro famiglie, progettando per loro attività formative rivolte all’inclusione scolastica e sociale.Nel 2014 si specializza in Pedagogia Clinica a Firenze ed è iscritta nell’albo Anpec e Sinpec come operatore specializzato in pedagogia clinica.Collabora con l’Università degli studi di Catania e l’Università degli studi di Palermo come docente a contratto nei laboratori dei Corsi di Specializzazione Sostegno.Referente per la regione Sicilia della FNALS SCUOLA , segue e collabora con docenti, collaboratori scolastici e assistenti alla comunicazione del territorio siciliano.Attualmente fa parte del direttivo dell’Associazione Integra S.M. delle Grazie di Catania che ha come finalità l’inserimento professionale di ragazzi con disabilità. L’associazione ha siglato un protocollo di intesa con il Comune di Catania e in collaborazione con altre associazioni opera nei tavoli tecnici del comune catanese

Membro del Consiglio Direttivo 

Anna Maria  Dinelli, 49 anni, nata a Venezia e residente a Formignana in provincia di Ferrara. Un passato lavorativo come parrucchiera e cameriera, ma da oltre 15 anni è casalinga e caregiver a tempo pieno. Mamma di due splendidi ragazzi di 29 anni e 19 anni. Il secondo è affetto da una rara malattia genetica. Dal 2004 è presidente nazionale di A.I.S.Lo (Associazione Italiana sindrome di Lowe) che ha lo scopo di costruire un punto di incontro dove le famiglie con congiunti affetti da sindrome di Lowe possano conoscersi e condividere le proprie esperienze, dare informazioni sulla patologia, contribuire alla soluzione delle difficoltà di ordine sociale e legale, promuovere e sostenere la ricerca.

Membro del Consiglio Direttivo 

Emanuela Monti assistente alla comunicazione e interprete lis di Terracina (provincia di Latina); nel 2016, con altre tre donne e due ragazzi sordi crea la cooperativa sociale integrata “UNA MANO TIRA L’ALTRA”che offre diversi servizi , in ambito sociale e di formazione, e una Bottega Etica, una piccola attività che commercia eticità e che promuove l’inserimento lavorativo dei ragazzi con disabilità.

 

Membro del Consiglio Direttivo

Maurizio Zoppi papà di Eleonora, bimba con sindrome di Williams e di Ludovica. Nato a Roma e vive da sempre ad Ostia,ha conseguito il diploma di perito elettrotecnico da giovane e da due anni ha coronato un suo piccolo sogno, si è laureato in giurisprudenza. Ex dipendente Alitalia ha girato il mondo sia per lavoro sia per svago prima di avere figli, ha svolto uno stage formativo in tribunale ma soprattutto ha lavorato nel dipartimento politiche sociali del comune di Roma in particolare nell’ufficio del delegato del Sindaco per le politiche della disabilità e nella segreteria dell’assessore ai servizi sociali di Roma Capitale. Attualmente è un assistente informatico in un liceo Artistico di Pomezia, comune metropolitano di Roma.È socio fondatore del comitato disabilità del X municipio di Roma e componente del direttivo dell’associazione Aisw Lazio Onlus. È stato segretario organizzativo del coordinamento genitori per le malattie rare, Cogemar Onlus. Ha maturato una esperienza per l’organizzazione di eventi nel campo delle malattie rare e della disabilità sia a livello locale che nazionale. La sua passione è lavorare per le politiche della disabilità e delle malattie rare, avendo come stella polare la partecipazione di varie realtà del campo, la condivisione delle esperienze e la creazione di una rete forte e coesa, che miri alla collaborazione attiva e partecipativa di tutti.

Membro del Consiglio Direttivo

Maria Elena Mongiello Mamma di tre figli di cui il terzo, Luca, è sordo con plurihandicap (affetto da una malattia rara Sindrome di Mohr). Impiegata di Banca in pensione dove ha svolto incarichi amministrativi. Da circa 18 anni segretaria e tesoriere dell’Associazione delle Famiglie Italiane dei Sordi Bilingui denominata “A.F.I.S.Bi” che tutela persone sorde con plurihandicap , e promuove la valorizzazione e diffusione della Lingua dei Segni Italiana (L.I.S.) con relativo abbattimento di qualsiasi tipo di barriere (sensoriali e architettoniche). Ha gestito per 7 anni il servizio di assistenza alla comunicazione presso l’Istituto Statale di Istruzione Specializzata per Sordi “A. Magarotto” di Roma, e si è occupata dell’organizzazione dei corsi di formazione per Assistenti alla Comunicazione, Educatori sordi, genitori e familiari di sordi. Il Motto dell’Associazione AFISBI ?  “La Parola nelle Mani”.

Membro del Consiglio Direttivo

Giosy Cataldo (all’anagrafe Giuseppe) Psicomotricista dell’età evolutiva, specializzato nel trattamento di bambini con disturbo dello spettro autistico e bambini ipoudenti/sordi con “ritardo psicomotorio”.Nel 2007, dopo essersi formato come assistente alla comunicazione e autonomia per persone ipoacusiche/sorde, intraprende questo percorso e da allora espleta a scuola il servizio di assistenza specialistica per studenti con disabilità dell’udito: nel compiere questo percorso, col tempo, si evidenziano tutti i limiti, accentuatisi con l’assegnazione di tale servizio anche alla disabilità cognitiva, di un modello  occasionale e non performante di individuazione della figura professionale di riferimento, come pure modalità di erogazione dei servizi, a macchia di leopardo in tutta la Sicilia (e non solo), che mortificano il diritto allo studio degli alunni con disabilità. Cofondatore e Presidente dell’ ACA Sicilia – associazione assistenti all’autonomia e comunicazione – nell’aprile del 2016, associazione di categoria con il contributo delle famiglie come soci sostenitori, intraprende con successo una fervida attività  per la realizzazione di un processo di individuazione e riconoscimento della figura professionale dell’assistente all’autonomia e comunicazione.Diventa un impegno sociale e civile che passa attraverso la garanzia del diritto dei minori – ma anche maggiorenni – studenti con disabilità.

Membro del Consiglio Direttivo

Angela Rendo Mamma di un ragazzo con disabilita’ grave.
Da circa 16 anni svolge volontariato per garantire il rispetto dei diritti delle persone con disabilita’ e attualmente ricopre la carica di Vicepresidente dell’ Associazione 20 novembre 1989. Si occupa da molti anni del riconoscimento giuridico dei caregiver family ed è certa che le competenze aquisite in questi anni saranno di grande utilità per il riconoscimento di tutti i diritti delle persone con disabilità e dei loro familiari.

Membro del Consiglio Direttivo

Simona Zanella E’ nata a Feltre l’8 maggio 1970,  cittadina in provincia di Belluno nella quale ancora vive. È sposata, non ha figli ed è nata con un glaucoma congenito che fin dalla nascita l’ha resa ipovedente . Si è  sottoposta a numerosi interventi chirurgici e proprio uno di questi interventi l’ha  portata alla cecità. Ha continuato a studiare fino all’università ,nonostante le difficoltà dovute alla mancanza di supporti, inesistenti all’epoca. Dall’età di 19 anni ha deciso di avvalersi, per la sua mobilità, di un cane guida. Ha prestato volontariato per quasi vent’anni presso l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, convinta di poter dare il proprio contributo per  migliorare la situazione dei ciechi italiani.  Ad oggi ricopre il ruolo di responsabile nazionale del “settore cani guida” presso la Blindsight Project .Convinta che i diritti acquisiti  vadano non elemosinati,  ma riaffermati  con fermezza e mai contrattati, che i principi debbano rimanere inviolati per quanto riguarda il mondo della disabilità, ha sempre fatto quanto era in suo potere perché ciò rimanesse tale, e per migliorare situazioni non rispettose e non rivolte all’abbattimento delle barriere sensoriali, soprattutto per quanto riguarda la mobilità autonoma delle persone disabili della vista.

Membro del Consiglio Direttivo

Manola Scimionato, nata a Treviso nel 1974 si trasferisce a Fregene nel 1999 e diventa mamma di quattro ragazzi di cui tre sordi. Per conoscere a fondo il “mondo” dei suoi figli diventa assistente alla comunicazione ed interprete LIS, lavorando presso l’Istituto Statale di Istruzione Specializzata per Sordi di Via Nomentana a Roma e frequentando la comunità sorda. Vivere le difficoltà dei ragazzi in prima persona come madre e dentro la scuola come operatrice, le ha permesso di comprendere cosa potesse rendere più funzionale il sistema scolastico. La condivisione di perplessità, idee ed entusiasmo con diversi operatori del settore tra cui logopediste, colleghi assistenti alla comunicazione, neuropsicomotricisti e psicologi e il desiderio di poter aiutare altre mamme in difficoltà ha portato nel 2012 alla fondazione dell’associazione “Il Sentiero Dorato Onlus” di cui è Presidente. Sentiero dorato, come nel mago di Oz: percorrere una strada insieme scambiandosi esperienze e sostenendosi aiuta a trovare in sé il coraggio per affrontare il percorso, sempre diverso, dei nostri bambini speciali.